BoJack Horseman: il cavallo vincente

Su Netflix sono presenti film, serie tv e documentari in grande abbondanza. Si spazia dai generi più classici a quelli più inusitati, se avete mai avuto occasione di sbirciare nel profilo di un vostro amico ve ne sarete resi conto. Tuttavia, diciamocelo, molti dei prodotti che troviamo sono di dubbia qualità, tanti sono trash, e non sto parlando di quel trash che in qualche modo sembra elevare lo spirito di chi lo guarda. Ma in mezzo alla quantità ci sono alcuni barlumi di qualità che ti fanno sentire di aver ben speso i soldi per l’abbonamento mensile. Uno di questi barlumi è BoJack Horseman.

Come saprete, l’8 settembre è uscita la quarta stagione di una delle serie animate più irriverenti e geniali degli ultimi tempi. In una Hollywoo- (la d non è più reperibile) abitata da esseri umani e creature a metà fra l’umano e l’animale (che poi anche l’uomo è un animale eh) vive BoJack, un cavallo dalla personalità autodistruttiva che fa del nichilismo (e nichilismo è dir poco) uno stile di vita. Scopriamo così la vuotezza dell’esistenza degli attori di Hollywoo- e non solo, la vuotezza dell’esistenza umana. La serie però è ricca anche di punte di umorismo che fanno lacrimare gli occhi dalle risate. Insomma quel giusto mix tra malinconia e divertimento che ti fa innamorare dei suoi personaggi.

bojack 4

Con il progredire delle stagioni si è assistito a un climax nella qualità degli episodi e a uno sviluppo psicologico dei personaggi che raramente si riesce a trovare in serie di questo stampo. E quando mi sono messo a guardare la quarta stagione, ero sì eccitato per la ricomparsa di quell’adorabile faccione da cavallo, ma un po’ temevo che la serie, dopo episodi stupendi (come quello che si svolge nel mondo subacqueo, per dirne uno), potesse subire una battuta di arresto. Così non è stato.

L’evoluzione dei personaggi non solo è rimasta perfettamente coerente con quanto successo in precedenza ma ha esplorato certi aspetti della loro personalità (basti pensare a quello che succede a Princess Carolyn e a Todd) che rendono scelte di vita discutibili, completamente e dannatamente comprensibili. Certo, le storyline di Todd diventano sempre più strampalate, ma non ci lamentiamo. La scelta più felice è stata quella di esplorare il passato della madre di Bojack. Davvero, non so se compatirla od odiarla, quel che è certo è che gli episodi che ruotavano attorno ai suoi ricordi sono quelli che più mi sono rimasti dentro.

bojack1

Il passato. La quarta stagione di BoJack è interamente sostenuta dal passato. Quello che bussa alla tua porta e si presenta inaspettato, sotto una forma o l’altra. Ed ecco che il passato collima con il presente, e niente, non possiamo fare a meno di versare un mare di lacrime, tante da riuscire a riempire la piscina del nostro amato cavallo. Che si tratti dell’episodio di Carolyn, o della storia della madre di BoJack, vi sfido a rimanere impassibili. Per non parlare di Diane e Mr. Peanutbutter, arrivati a un punto della loro relazione che aspettavo da molto tempo.

Bojack3

In conclusione a questo piccolo elogio, non posso fare altro che esortarvi a guardare questa serie tv e a lasciarvi conquistare dalla profondità e universalità del suo messaggio. Si tratta di un piccolo capolavoro, la migliore serie della celebre piattaforma di streaming e da sola vale sicuramente tutto l’abbonamento Netflix. Bingiare è cosa buona e giusta!

-Davide

 

2 pensieri su “BoJack Horseman: il cavallo vincente

  1. Proprio l’altro giorno una mia amica mi ha consigliato di vedere questo cartone perché sicura che mi sarebbe piaciuto. Non ho Netflix (si, esistono anche persone che vivono senza :D), ma l’ho trovato con facilità in streaming.. È devo dire che aveva ragione! Per ora ho solo visto 3/4puntate della prima serie, ma è stato abbastanza per capire che l’assurdità è il cinismo dei protagonisti mi avrebbe conquistata. Quindi continuerò sicuro a vederlo, soprattutto dopo aver letto il tuo post che fa presagire nuovi sviluppi nelle stagioni a venire.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.