Chiamami col tuo nome: il desiderio secondo Guadagnino

Gli Academy Awards si avvicinano e, in preparazione all’evento, che richiede una rigorosa maratona notturna, un po’ dei film candidati li ho già visti. L’ultima aggiunta, e direi un’aggiunta stupenda, è Chiamami col tuo nome, di Luca Guadagnino, che è nelle sale nostrane dal 25 di gennaio.

guadagnino0

Il film, tratto dal libro omonimo di André Aciman, pubblicato in Italia da Guanda, è stato candidato a ben quattro premi Oscar. Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura non originale e Miglior canzone (con Mistery of Love, di Sufjan Stevens). Ma questi riconoscimenti non sono l’unico motivo per il quale correre subito al cinema e guardare questo capolavoro dall’anima parzialmente italiana.

La storia è quella di Elio Perlman, interpretato da uno strepitoso (so già per chi tifare il 4 marzo) Timothée Chalamet, diciassettenne che trascorre le sue estati nella villa settecentesca dei genitori, una famiglia dalle radici culturali ricche e affascinanti, tra le province di Brescia e Bergamo. Quando? Siamo nel 1983, un’estate come un’altra per la famiglia del ragazzo. Tuttavia, per gli studi di dottorato, si unisce ai tre un giovane studente americano di 24 anni, un certo Oliver, interpretato da Armie Hammer. I due ragazzi si ritroveranno a trascorrere insieme molto tempo fino a quando la loro relazione assumerà toni romantici e di grande intimità.

guadagnino1

Ma non si tratta di una semplice storia d’amore. È prima di tutto un percorso di formazione, di crescita sentimentale ed emotiva che ruota attorno a una forza trainante e centrale, il desiderio. Il desiderio si presenta nell’ossessione di Elio per Oliver, nei piccoli momenti di quotidiana intimità rubati agli studi del dottorando. Un desiderio che non ha nulla di malsano e che è carico dell’emotività di un ragazzino indeciso, che si trova di fronte a una passione così forte da non sapere come gestirla efficacemente. E l’unica cosa che può fare è crescere, come gli intima lo stesso Oliver, con un biglietto lasciato sulla sua scrivania.

I due sono persi in una continua e giocosa competizione intellettuale che ha come palcoscenico una idillica campagna lombarda, tra riferimenti culturali a scrittori e scultori classici. Un universo privato separato dal resto del mondo, perso in chissà quale epoca.

guadagnino2

Guadagnino riesce a coinvolgere abilmente tutti i cinque sensi. Chiamami col tuo nome è infatti un film che definirei sensoriale. Quando Elio maneggia le albicocche, quando il ragazzino ascolta la musica o suona, quando i due amanti si ritirano nella campagna, in piccoli santuari privati, sembra che siamo noi stessi a toccare, a sentire, a vedere. È una vera e propria cornucopia di sensazioni che rende un film dalla trama apparentemente lineare, semplice, quasi banale, qualcosa di vivido e concreto. Una volta usciti dalla sala sembra quasi di averle vissute, tutte quelle esperienze, quella crescita.

E la recitazione di Timothée Chalamet contribuisce immensamente a questo. La paura, l’insicurezza e l’indecisione di Elio la proviamo sulla nostra pelle. Quando tutto sembra fermarsi e il dolore sembra sommergerlo anche noi assistiamo paralizzati e impotenti. Anche noi abbiamo amato e vissuto. Anche noi, alla fin fine, siamo stati (o saremo prima o poi) Elio.

guadagnino4

Il rischio principale è quello che potremmo chiamare del non vissuto, il rischio, nel tentativo di ripararsi dal dolore e da possibili sentimenti feriti di non fare, non vivere, non essere. Anche per questo è un film imperdibile, perché il suggerimento che si cela dietro alla trama è qualcosa di universale, che si può applicare benissimo a qualsiasi contesto.

E quindi, non perdete nemmeno voi l’occasione di fare del bene ai vostri occhi e alle vostre orecchie. Andate a vedere Chiamami col tuo nome, e immergetevi nei personaggi di una storia che vale sempre la pena di raccontare, mai banale.

-Davide

5 pensieri su “Chiamami col tuo nome: il desiderio secondo Guadagnino

  1. Pingback: #AspettandoIlSalone: gli incontri con gli autori aspettando #SalTo20 – – Radical Ging –

  2. Pingback: L’ultima estate di André Aciman: l’eterno ritorno del desiderio – – Radical Ging –

  3. Pingback: Edizioni SUR | Domani avremo altri nomi di Patricio Pron – – Radical Ging –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.