Tempo di Libri: la fiera senza il libro

È finalmente iniziata quella stagione che tanto aspettiamo, quella che ci permette di immergerci in un mondo fatto di libri, autori ed eventi, tutti riuniti sotto uno stesso tetto per più giorni. A fare da apripista, per noi, è stato Tempo di Libri, la fiera del libro dai discutibili natali che, per questa seconda edizione, si è svolta a Fiera Milano City, nel quartiere Portello.

Il direttore di quest’anno è stato Andrea Kerbaker, che ha preso il posto di Chiara Valerio, la cui assenza non è stata giustificata, ma che è anzi stata criticata in un articolo intervista al direttore dell’edizione presente di TdL, scritta da Luigi Mascheroni, e pubblicata su Il Giornale. In essa si afferma che:

Un direttore – la scrittrice Chiara Valerio – intellettuale. E non c’è nessuno che possa fare più danno alla Cultura di un intellettuale. Quest’anno invece Tempo di Libri […] andrà benissimo. Perché si svolgerà a Milano (alla vecchia Fiera) e perché il nuovo direttore, Andrea Kerbaker, è un manager. Culturale, ma sempre manager.

Ora, siamo partiti scevri da pregiudizi, per quanto possibile considerate le premesse di questa intervista (che ha alzato un piccolo polverone tra gli intellettuali, o meglio le intellettuali definite da Mascheroni stesso “femmine permalose“) e il programma, assai povero di grandi nomi (non intendiamo famosi, ma, anche se non amiamo usare troppo questa parola, di qualità) e arricchito da una sfilza infinita di youtubers ed eventi legati al cibo, in pieno stile sagra della porchetta. Da quello che ci è parso di capire l’intenzione era quella di avvicinare i non lettori, e certo il cibo è un ottimo catalizzatore, chi non lo ama?, tuttavia il rischio è quello di avvicinarli non tanto alla lettura, quanto alla fiera in sé, giusto per fare cassa.

Grandi assenti erano le piccole e medie case editrici, quelle che più affascinano il lettore medio-forte e non solo, ma non riusciamo a biasimarle per la loro assenza. Anche noi, una volta visto il programma, eravamo tentati dal non andare. Gli eventi erano tantissimi ma, almeno nel nostro caso, di scarso interesse. Gli stand libreschi veri e propri erano pochi. Per fortuna c’era il Libraccio, oasi in mezzo al deserto, letteralmente, in cui i lettori si rifugiavano per dissetare i propri bisogni (e basta cercare online le foto della fiera per vedere come, in mezzo al vuoto del padiglione, l’unica isola felice fosse proprio lo stand più amato dagli italiani).

25871616877_e809a6facf_o.jpg
Foto di Tempo di libri, presa dal sito della fiera.

Perfino l’edizione di Chiara Valerio, con l’ostacolo della data e del tempo ridotto all’osso, era stata di gran lunga migliore per contenuti e organizzazione. Questa volta la coda era pressoché inesistente, fatta eccezione per le scuole, invitate evidentemente a frotte, nel tentativo di riempire gli spazi dei due piccoli padiglioni, e si respirava un’aria spenta e triste, con tutto che, sempre per i comunicati ufficiali, le presenze sono aumentate del 60% rispetto all’edizione dell’anno scorso (che furono 60.796). D’altronde però bisognerebbe calcolare che, in quei 97.240 biglietti staccati, 16.000 erano per le scuole, che hanno collaborato con vari progetti, mentre altri 2500 erano accrediti per giornalisti e blogger (d’altronde anche noi siamo entrati con il Blogger Pass). La matematica non sottostà a nessuna legge, lasciamo a voi i calcoli per capire come i numeri reali dei paganti siano diversi da quelli “percepiti” a una prima analisi (per chi invece non volesse perder tempo, il risultato totale è 78.740 presenze di paganti).

A chi dice che più fiere del libro ci sono meglio è, diciamo, anche no. Considerando l’immenso panorama di fiere, saloni, ed eventi legati al libro che ci sono in Italia, di una fotocopia smunta e triste di altre fiere se ne fa volentieri a meno. Prendiamo in prestito le parole del direttore creativo di Book Pride e diciamo che

“una manifestazione culturale deve desiderare di esprimere e condividere un disegno, un senso”.

Tempo di Libri questo disegno, questo senso non ce l’ha. Stavolta è un addio.

-Davide e Marco

9 pensieri su “Tempo di Libri: la fiera senza il libro

    1. Ahimè, non lo escluderei. Non che li bandirei del tutto dalle fiere, una certa fetta di pubblico ne è comunque affascinata, però, nel caso di Tempo di Libri, mi è parsa una vittoria del commerciale su un mondo letterario molto più vasto e variegato.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.